Old Glory Cherry Pie Happy 4th July

Oh, say can you see, by the dawn’s early light,
What so proudly we hailed at the twilight’s last gleaming?

Ho sempre sognato di poter cantare l’inno americano (forse perchè loro ci credono più di noi quando lo cantano) e lo scorso anno, finalmente al rodeo di Fort Worth, al passaggio della bandiera ho potuto anch’io esserne partecipe: tutti in piedi e mano sul cuore.

RODEO @ FORT WORTH I © Silvia
RODEO @ FORT WORTH I © Silvia

Non potevo quindi non festeggiare come si deve il 4 luglio. Anche se non è una festa che mi appartiene è sempre una buona occasione per fare una torta.

OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia

La tradizione vuole che per il 4 luglio si sforni una cherry pie ma mentre cercavo su internet ho trovato una variante che ha attirato subito la mia attenzione, la Old Glory berry pie. Le differenze tra le due torte, che una è fatta esclusivamente di ciliegie e prevede la cottura del frutto; la seconda invece oltre alle ciliegie, prevede un ripieno bi-gusto, aggiungendo o dei mirtilli per richiamare così il blu della bandiera, o delle fragole (dei lamponi vanno bene lo stesso). E in questa variante, entrambi i frutti vengono messi a crudo in forno. Non avendo a disposizione delle fragole, ho preferito sposare la ricetta indicata anche dal libro di California Backery nella quale si utilizza appunto la variante del mirtillo, non solo da aggiungere all’interno insieme alle ciliegie, ma anche sulla superficie della torta, in modo da far così risaltare proprio il blu della bandiera americana.

OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia

Comprato ben un kg di ciliegie, mi sono messa all’opera per tagliarle e togliere ovviamente tutti i noccioli. Per decorarla al meglio, ho utilizzato anche uno stampo piccolo a forma di stellina a 5 punte e per un risultato migliore ho anche comprato la tortiera approfittando di un super sconto che Dome applicava per il kit I love Cooking Crostata. La tortiera è della Ballerini… devo ammettere che ho sempre guardato con diffidenza questi kit. Invece è un’ottima tortiera, con la giusta capienza, perfetta per la preparazione di una american pie (più che per una crostata tradizionale).

Risultato: torta deliziosa, con il sapore dolce equilibrato il e soprattutto bellissima da guardare. Quasi quasi mi dispiaceva tagliarla, ma per gustarla e sentire anche il parere degli amici, ho dovuto farlo ahimè… E sembrerebbe sia stata davvero apprezzata visto che mi hanno chiesto subito il bis!

OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia
OLD GLORY CHERRY PIE I © Silvia

Quindi, buona festa dell’Indipendenza a tutti i miei amici americani, ma soprattutto a quelli che, pur non essendolo, in fondo si sentono americani dentro e amano questo territorio. In attesa di tornare finalmente quest’estate oltre oceano…

 

Per 10/15 persone  I   Preparazione: 4 ore   I   Cottura: 45  minuti per ogni Pan di Spagna
Tortiera: per crostata Ballarini diametro da 26 cm

Ingredienti

PER LA PASTA
225 g di farina bianca OO
75 gr di farina Manitoba
15 gr di zucchero bianco
7,5 gr di sale fino
20 ml di aceto bianco o di mele
225 gr di burro freddo tagliato a pezzetti
105 ml di acqua fredda di frigorifero

PER IL RIPIENO
1,5 kg di ciliegie fresche lavate e denocciolate
500 gr di mirtilli freschi
130 gr di zucchero di canna
95 gr gr di burro
30 g rdi maizena
25 ml di succo di arancia fresco

PER LA DECORAZIONE
1 tuorlo
30 ml di latte intero

PER LA PASTA
Mescolate in un bicchiere l’acqua con l’aceto. Riunite gli ingredienti secchi in una ciotola, aggiungete il muro e lavorate velocemente in modo da ottenere un composto sbriciolato. Aggiungete a poco a poco l’acqua e formate un impasto senza grumi, elastico e liscio. Dategli la forma  di un panetto e riponetelo in frigorifero per almeno 30 minuti.

PER IL RIPIENO
Mettete le ciliegie in una casseruola, aggiungete 100 gr zucchero di canna, 75 di burro e mescolate con un cucchiaio. Fate cuocere a fuoco medio, portando quasi ad ebollizione. Fate lo stesso con i mirtilli, con 25 gr di burro e 30 di zucchero di canna. Mentre la frutta cuoce, mettete la maizena in una ciotola piccola incorporando un po di succo di arancia mescolate finché il colore non sarà bianco come il latte.
Quando la frutta inizierà a bollire, mescolate con cura per 2 minuti circa, poi incorporate il composto con la maizena. 2/3 per le ciliegie 1/3 per i mirtilli, mescolando sempre con molta cura. Appena i succhi cominciano ad addensarsi come caramello, togliete dal fuoco fate raffreddare completamente.

Prendete l’impasto e dividetelo in due parti: 2/3 per la base e 1/3 per le decorazioni. Stendete la parte più grande su un piano di lavoro leggermente infarinato e tirate la pasta con il mattarello fino ad ottenere un disco più grande della vostra tortiera e dello spesso di 3 mm.

Mettete la pasta nello stampo foderato di carta da forno; per rendere più modellabile la carta da forno potete bagnarla con dell’acqua fredda, strizzandola bene facendo attenzione a non romperla dopo di che asciugatela tamponandola con dello scottex. Prendete un foglio di carta di alluminio per alimenti e create un rettangolo stretto e lungo, piegatelo a metà e andate a disporlo nella teglia delimitando l’ultimo quarto di orologio (dalle 9 alle 12). Disponete la frutta: nel quarto di orologio ripete i mirtilli, nel resto della torta le ciliegie. Versate anche il succo che apparirà come gelatina.
Stendete l’altra porzione di pasta, con uno stampino tagliate le vostre stelle e riponetele nella parte dei mirtilli. Realizzate per le ciliegie invece delle strisce larghe 1,5 cm componendo così la vostra bandiera americana.
Ripiegate i bordi della torta e spennellate tutto con il latte mescolato al tuorlo. Spolverate con un po di zucchero semolato o di canna.

Cuocete in forno preriscaldato a 170° per circa 40-45 minuti.

Sfornate, lasciate raffreddare completamente dopo di che toglietela dalla vostra tortiera.
Buon 4 luglio.

 

Leave A Reply

Navigate