Man vs Food Voodoo Doughnut – Portland

Una delle esperienze assolutamente da non perdere a Portland è l’assaggio di una delle mega ciambelle – donuts per gli americani –  sfornate e preparate nel famoso Voodoo Doughnut. Inutile dire che la mia prima colazione in città è stata proprio lì! Memore della puntata di Man vs, Food dove Adam Richam sfidava proprio il ciambellone, non ho potuto non provarlo.

lost in food portland voodoo doughnut silvia bambolina
Bamboline Voodoo – Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia

Il primo shop di Voodoo Doughnut fu aperto nel 2003 dagli ancora attuali due unici soci, Tres e Cat Daddy, due amici che erano alla ricerca di nuove idee per fare business. Da una loro ricerca notarono che l’offerta di ciambelle non era così diffusa in città. Decisero quindi che era giunta l’ora per Portland di avere il “suo” negozio di ciambelle. Ma non un semplice negozio, ma un luogo che potesse trasmettere good vibes, o divenire una sorta di luogo Mojo (amuleto) e perché no…ispiratore anche di buoni matrimoni. Così nel quartiere di Kerns nacque quello che diventerà uno dei simboli della città più nota dell’Oregon con la sua distintiva insegna al neon con tanto di bambolina sorridente e lo slogan “GOOD THINGS ARE IN A PINK BOXES”.

lost in food portland voodoo doughnut coda

Altro che “good vibes”! Qua la gente fa ore e ore di coda per riuscire a mangiarsi una delle loro ciambelle. Per non perdermi anch’io questo must della weird city (così viene definita la città di Portland) alle 9,00 del mattino ero già davanti allo shop pronta ad affrontare l’ordinata fila con tanto di transenne e serpentone divisorio. Fortunatamente, essendo presto e grazie alla velocità del servizio, nel giro di soli 30 minuti mi ritrovo all’interno e davanti al bancone pronta a scegliere i mie doughnuts. Così come all’esterno, anche l’interno dello shop è un tripudio di colore rosa candy – che io adoro – con punte di nero e oggetti kitsch bellissimi.  Due commesse si contendono il primato di “velocità” (ma con simpatia) nel servirti e tu devi essere già lì pronto a dare la tua lista.

lost in food portland voodoo doughnut insegne
Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia
lost in food portland voodoo doughnut menu
Menu – Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia

“Oh cavolo!” La scelta è davvero difficile tra i mille gusti e ciambelle che girano nell’espositore quasi ipnotizzandoti… La voglia di provare tutto è scontata e dal “ok una ciambella e caffè”, siamo passati rapidamente a “quante ciambelle prendiamo?” Il problema da superare è l’indecisione ora su quale prendere: quella di Homer Simpson o quella a forma di cuore? Quella con il ripieno di cioccolato o alla violetta o al caramello? Il formato XXL? Help, please!

lost in food portland voodoo doughnut ciambella Omer
La ciambella di Omer – Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia
lost in food portland voodoo doughnut ciambelle
Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia

Alla fine, con poco meno di 20 dollari prendiamo 4 doughnuts (hai detto poco…) e due american coffee con la scelta che è ricaduta su quella con le charms, quella a forma di cuore, quella viola e lei la mitica, famosissima icona di questo posto: la bambolina doughnuts. Quasi mi dispiace mangiarla. Tutto viene delicatamente depositato nell’altrettanto iconica pink box per il take away.

lost in food portland voodoo doughnut silvia
La preziosa scatola rosa Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia
lost in food portland voodoo doughnut ciambelle prese
Le nostre ciambelle Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia

Ci sediamo nei pochi tavolini esterni, mentre dietro di noi la coda via via aumenta in modo smisurato: Portland si è svegliata!  Finalmente addentiamo le ciambelle scelte e, devo ammetterlo, finirne una è davvero una sfida impegnativa.

lost in food portland voodoo doughnut silvia cuore
Ciambelle a cuore – Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia

Decidiamo comunque di assaggiarle tutte senza alcun proposito di finirle completamente. Tra quelle prese, vince su tutta quella con le charms. Ahimè però devo dirlo: dò voto 10, no anzi 100 per l’idea super originale, la varietà di gusti e il costo ma le ciambelle di Doughnut Vault che avevo provato a Chicago restano in cima alla mia lista. The best!

lost in food portland voodoo doughnut bambolina
Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia

Finita la colazione recuperiamo la pink box (che ho deciso conserverò come un trofeo) ed un ragazzo americano vedendo l’enorme fila, mi ferma chiedendomi se può fare una foto con la mia scatola, giusto per potersi vantare con gli amici che anche lui è stato da Voodoo Doughnut.

lost in food portland voodoo doughnut silvia scatola
La preziosa scatola rosa Voodoo Doughnut – Portland – Oregon I © Silvia

Beh forse meglio fare una foto anche io, si sa mai che mi rubino questa preziosissima scatola… o forse è solo questione delle famose good vibes di questo luogo!

 

VOODOO DOUGHNUT
22 SW 3rd Avenue Portland Oregon, U.S.A.
voodoodoughnut.com

1 Comment

  1. Pingback: Back Door Donuts Donuts -dove trovare le ciambelle segrete di Martha's Vineyard - Lost In Food

Leave A Reply

Navigate