Nel “Giardino dell’Eden”, pranzo stellato con vista sulla città eterna – Hotel Eden Dorchester Collection – Roma

Vivere Roma dall’alto trovo che sia una delle esperienze più affascinanti soprattutto se lo scenario della città eterna lo si ammira facendo una colazione, un pranzo, una cena o un semplice aperitivo. E generalmente questo è possibile nelle terrazze di quegli hotel designati come luxury che godono di posizioni meravigliose.

E’ anche vero che spesso, a differenza di quanto accade all’estero, non abbiamo molto la concezione di andare in un hotel se non vi soggiorniamo. E davanti a strutture che certo possono apparire high level ne rimaniamo come dire, intimoriti, senza pensare invece che si può tranquillamente accedere e vivere appieno ristoranti curati da chef stellati o eleganti cocktail bar.

I costi è vero, possono risultare un po’ più alti rispetto alla media, ma molto meno di quello che si può immaginare. Poi si viene ampiamente ripagati dalla qualità, dall’ambiente elegante, dall’attenzione che si riceve ma soprattutto dall’emozione che si prova nel sorseggiare un buon cocktail o gustando anche un semplice piatto di fronte ad un panorama unico e mozzafiato. Nell’ultima toccata e fuga fatta nella mia amata Roma abbiamo cosi deciso di concederci una pausa pranzo come si deve e questa volta siamo andati all’Hotel Eden… Magari fossero tutte così le mie pause pranzo!

 

Hotel Eden Roma – Dorchester Collection 

A pochi passi dalla nota Via Veneto, in Via Ludivisi, si trova lo storico e rinomato Hotel Eden dove ad accogliere gli ospiti ma anche outsider come noi in visita solo per un pranzo c’è un doormen con tanto di cappello a cilindro che ti fa respirare da subito un’atmosfera speciale.

Quello che mi lascia sempre stupita è la gentilezza e la disponibilità con tutte le persone, anche quelle come me che si presentano sempre con un look molto informale tipo jeans e All star. Per non parlare di quel senso di internazionalità che si percepisce e si respira ascoltando frammenti di discorsi in diverse lingue delle persone che incontri al tavolo di fianco e che a loro volta hanno spesso un approccio molto più aperto e informale. L’Eden, decisamente molto internazionale, non fa eccezione.

lost in food eden il giardino roma hall
Hall – Hotel Eden Roma I © Silvia

Già dalla lobby, l’Eden trasmette lo stile e la storicità del palazzo e della zona in cui si trova. Cosi come nell’ampio ma al tempo stesso intimo salotto contiguo proprio alla lobby: chiamato anche “la libreria” con tanto di pianoforte, libri d’arte rinascimentale, divanetti in velluto o in pelle e un’orme camino che domina la scena… Inutile dirvi che è molto classico, molto elegante e che la presenza del color oro è abbastanza predominante. Ma l’aria ovattata che qui si respira è rilassante e invoglia a fermarsi, magari per  bere qualcosa nel suo bar “segreto” o per leggere uno dei diversi libri sulla città eterna sparsi qua e là.

lost in food eden il giardino roma libro caldesi
Salotto – Hotel Eden Roma I © Silvia

Io mi sono innamorata di “Rome: Centuries in an Italian Kitchen” (ovviamente in inglese) di Katie e Giancarlo Caldesi che dopo averlo sfogliato non ho esitato ad ordinarlo on line.

lost in food eden il giardino roma welcome
Welcome – Il Giardino – Hotel Eden Roma I © Silvia

Per accedere allo spazio riservato al pranzo, dalla lobby basta prendere uno degli ascensori con cui salire alla scoperta della terrazza e del suo ristorante.

 

La nostra pausa pranzo al Giardino – Hotel Eden

A darci il benvenuto in terrazza, oltre al personale molto gentile e disponibile, ad attenderci al tavolo abbiamo trovato Augustino, il leoncino mascotte dell’hotelAmmetto di essere impazzita letteralmente (ha ha ha nonostante la mia età) per questo dettaglio fuori dagli schemi, originale e che non ti aspetti, ma decisamente molto molto carino (e apprezzato) che ti fa capire già in prima battuta di come ci si trovi in un posto speciale.

lost in food eden il giardino roma vista città
Vista sull’Altare della Patria – Il Giardino – Hotel Eden Roma I © Silvia

Ciò che poi inevitabilmente colpisce è lo scorcio sulla città che si gode dal ristorante: ok, Roma è sempre bella però ammirarne dall’alto il suo splendore comodamente seduta è proprio wow!

lost in food eden il giardino roma locale
Il Locale – Il Giardino – Hotel Eden Roma I © Silvia

L’ambiente de “ll Giardino” (questo è il nome di uno dei due ristoranti presenti all’interno dell’Eden) rispetto al resto dell’hotel è essenziale, minimal e pulito, quasi a non contaminare il paesaggio, facendo però trasparire quell’elemento di eleganza discreta. Lo spazio è suddiviso in tre aree: il salotto dei cocktail, la zona ristorante – entrambi circondati da enormi vetrate per godere del panorama a 360° in ogni stagione (certo in estate queste vetrate vengono aperte) – e un piccolo terrazzino con tanto di giardino verticale, perfetto per godere della brezza che si alza nelle serate romane.

 

La formula del pranzo e uno chef stellato

Il pranzo si può scegliere secondo due formule diverse, a la carte oppure a buffet. A capo della cucina, non un nome qualunque, ma lo chef stellato Fabio Cervo che cura e propone una cucina di ispirazione mediterranea con non pochi elementi innovativi capaci di creare una alchimia di sapori unici ed intriganti. 

Chef Fabio Ciervo – Hotel Eden Roma I © Eden

Noi abbiamo optato per la formula buffet dove oltre alla possibilità di accedere liberamente (e quante volte si vuole) al tavolo imbandito con mille cose interessanti, è compresa anche una portata a scelta dal menù.

lost in food eden il giardino roma salad bar
Salad bar – Il Giardino – Hotel Eden Roma I © Silvia

Abbiamo iniziato divertendoci a comporre il nostro piatto al bellissimo buffet scegliendo due strade del gusto completamente diverse: per me solo pesce (carpacci, riso con gamberoni, insalata di polpo…) mentre per Alex i prodotti della terra con una selezione di burratine con pomodorini, salumi di eccellenza e soprattutto un roastbeef che era qualcosa di fantastico.  

lost in food eden il giardino roma food
Salad bar – Il Giardino – Hotel Eden Roma I © Silvia

Come primo abbiamo ordinato una cacio e pepe leggermente rivisitata con l’aggiunta della curcuma (qui si vede il tocco dello chef), strana da dire e anche da vedere nel suo colore intenso giallo zafferano ma con quella nota speziata particolarmente delicata che la caratterizzava. Per me tonnarelli con pesce misto e pomodorini molto buona, equilibrata nei sapori e anche fresca visto la bella giornata calda e soleggiata. I piatti del menù cambiano di volta in volta e in base anche alla stagionalità vista  la particolare attenzione alla qualità delle materie prime utilizzate.

Abbiamo concluso, ovviamente, con i dolci sempre a buffet: una crostata di frutta, delle mignon e una macedonia fresca. Ammetto di essermi trattenuta perché ho giocato tutte le mie calorie possibili nella fantastica carta dei cocktail che abbiamo “approfondito” di persona nel nostro aperitivo. Ok, non ci facciamo mancare nulla… ma erano così interessanti!

Caffè rigorosamente accompagnato da biscottini.
La domenica è possibile fare anche il brunch… Lo terrò ben presente! 

 

La Formula dei cocktail

Al Giardino dell’Hotel Eden, e nome più perfetto non poteva essere dato visto le tentazioni che propone, si può accedere anche solo per andare a degustare uno dei tanti cocktail proposti dagli esperti barman cultori della mixology art.

lost in food eden il giardino roma cocktail fiori
La Grande Bellezza Cocktail – Il Giardino – Hotel Eden Roma I © Silvia

Noi ci siamo divertiti ad assaggiarne alcuni, consigliati direttamente dall’attento staff. La carte dei cocktail offre una selezione di proposte a base di Martini, spaziando poi su quelli più tradizionali o su proposte originali come le Signatures. La nostra scelta è caduta proprio su due di questi cocktail: “La Grande Bellezza” (non ci poteva essere nome più adatto visto il luogo) a base di aperitivo rosato, infuso di tamarindo, mandarino e Los Siete Misterios Mezcal,  e il “Cancun Sour” con tequila, mezcal, lime, nettare di agave e nuvola dei sette colli di Roma.

lost in food eden il giardino roma cocktail
Cancun Sour Cocktail – Il Giardino – Hotel Eden Roma I © Silvia

E se il barman ci voleva colpire…con il Cancun Sour lo ha fatto appieno servendoce in modo davvero scenografico quello da me scelto! Divertenti i nomi poi degli “Aperitivi italiani”: si passa da un americano a Roma all’Amore amaro per arrivare al Bittersweet Symphony. Non mancano anche gli analcolici in questo caso nei nomi ispirati molto dall’esperienza che si vive nella location, come il Virgin Eden o il Tramonto su Roma.

 

Non sono una grande bevitrice ma ammetto che mi sarei trattenuta tutta la giornata Al Giardino magari con un buon libro e un altro buonissimo cocktail a farmi compagnia lasciandomi incantare dalla seducente vista sulla città eterna.

 

IL GIARDINO RISTORANTE E BAR
Via Ludovisi, 49, 00187 Roma 

2 Comments

  1. In effetti anche io mi lascio sempre un po’ condizionare da quella cosa molto italiana del non mangiare nel ristorante di un hotel se non dormi nello stesso hotel, mentre all’estero me ne frego altamente. Qui da noi forse mi frena anche un po’ il fatto dell’abbigliamento, ma vedo che tu come me sei fedele allo stile “jeans & sneakers”!
    Quei cocktails sembrano buoni da morire!

    • Silvia Reply

      Esatto chiesa come mai qui in Italia ci poniamo limiti che all’estero non abbiamo! Eh si quei cocktail erano davvero buonissimi!

Leave A Reply

Navigate