Dove mangiare a New York i miei posti preferiti nella Grande Mela

New York come sappiamo è una città che va alla velocità della luce, il tempo di una notte e al mattino potrebbe esserci già un nuovo grattacielo, un nuovo ristorante un nuovo pop up store. Rimanere al ritmo di questi cambiamenti, a meno che non si vive la Grande Mela tutti i giorni a volte è difficile.

Mi capita spesso che in molti, pronti a partire per New York, mi chiedano indicazioni su dove andare a mangiare. Un compito non facile anche perché appunto oggi potrete trovare un bel ristorante ma domani chi lo sa. Anyway, questi sono quelli che ci sentiamo di consigliare, tra grandi classici e posti che a noi sono piaciuti.

 

Dove pranzare o cenare a New York

Uno dei nostri ristornati preferiti è Freemans ai margini dell’East Village: con la sua porticina blu è uno dei locali più instagrammati della big city. Qui troverete buon cibo in un ambiente che proprio non ti aspetti: sembra infatti uno chalet di montagna. Unico accorgimento, prenotate con largo anticipo!

FREEMANS – NY I © Freemans

Un must da non perdere (e il preferito di Alex) che si trova per di più a pochissimi passi da Freemans, è Katz’s. Reso famoso dal film “Harry ti presento Sally”, è una vera e propria istituzione newyorkese per il suo famosissimo panino straboccante di pastrami! Certo il costo di questo panino è di ben 18 dollari ma vi assicuro che li vale tutti.

lost in food new york itinerario katzs
Katz’s – New York I © Silvia

Mi raccomando non spaventatevi per la coda che troverete all’esterno (dipende comunque dagli orari) o dalla quantità di gente che ci sarà all’interno. Qui sono super veloci e cartellino alla mano che vi daranno all’entrata, potrete scegliere tra la parte ristorante o il take away. In realtà anche la parte take away è possibile consumarla dentro il locale ma in questo caso è più come un self service. Se optate per il ristorante sono due le aree dedicate in cui vi potrete accomodare: dovrete attendere il vostro turno e il rischio è quello che ci potreste mettere più tempo!

A pranzo, colazione o cena, lo storico Russ and Daughters a pochi passi da Katz’s è uno di quei pochi luoghi che sono rimasti immutati nel tempo. Presente in East Houston dal 1913 e gestito ormai dalla quarta generazione della famiglia, è il posto perfetto per andare a degustare i loro fantastici bagel e le specialità di pesce affumicato… E se vi volete concedere uno sfizio senza badare a spese, lasciatevi tentare dalla loro selezione di caviale.

lost in food mangiare New York Bubba
Bubba Gump – New York I © Silvia

Altra icona (lo è per noi)  è Bubba Gump! In realtà non lo manchiamo mai in ogni città americana in cui è presente: Santa Monica, Denver, Chicago… a New York si trova in Time Square. Da assaggiare i loro gamberetti cayun versione piccante o super piccante. Io poi adoro ordinare le bibite servite rigorosamente nel loro bicchiere che si illumina con tanto di proiezione del logo di Bubba. Volendo lo potrete portare a casa come souvenir, vi assicuro che sia la mia “nipotina” Gaietta che mio fratello lo hanno apprezzato! Se trovate fila, chiedete di cenare al bancone del bar così potrete evitare o ridurre l’attesa. E poi al bancone ci si diverte con il gioco a quiz che di tanto in tanto i barman lanciano per mettervi alla prova sulla vostra conoscenza del famoso film di Tom Hanks. 

Assolutamente da non perdere il Chelsea Market nell’ex fabbrica Oreo situato nell’omonimo quartiere di Chelsea. Qui troverete un’infinità di diversi corner ognuno con una sua offerta culinaria, dal giapponese al messicano, dal burger al falafel! Stesso concept ma più piccolo e in chiave più moderna il Ghotam Market a due passi dall’Intrepid Sea. A Midtown, a poca distanza da Union Square, merita un salto Beecher’s Handmade Cheese, originario di Seattle, per assaggiare il miglior grilled cheese e la strepitosa mac and cheese. Nonostante siano due piatti decisamente americani, il formaggio utilizzato è prodotto direttamente da loro con un risultato ottimo tant’è che sarete tentati da fare il bis!

Per gli amanti di “Sex and the city”, sulla Nona strada sempre nel quartiere di Chelsea, una cena nell’elegante e altrettanto costoso Buddakan vi farà rivivere le atmosfere della nota serie tv. Il menù propone una cucina fusion di alta qualità. Se la cena può risultare impegnativa in termini di budget, si può andare  anche solo per un drink.

lost in food new york itinerario refinery
Refinery – New York I © Silvia

Se siete alla ricercate di un posto dove vivere una cena romantica, salite sul rooftop dell’Hotel Refinery a nord di Time Square: troverete tante lucine, un buon e vario menù ma soprattutto ci sarà l’Empire State Building che vi guarderà e vi ammalierà.

lost in food barbecue New York
Hometown Bar-B-Que – New York I © Silvia

A Brooklyn, potete puntare su un buon bbq da Home Town Bar-B-Que . Oppure se cercate un buon ristorante italiano, Terre è una delle recenti aperture nello scenario culinario di questa parte di New York che sempre più sta diventando protagonista. E poi porta la firma dei nostri amici dell’Albero del Gelato. Se invece volete sperimentare il vero street food, Smorgasburg con più di 100 i punti tra truck e stand vi farà fare un vero e proprio viaggio culinario attorno al mondo con tanto di vista sullo skyline di Manhattan.

 

Donuts e Cup Cakes

Amate i donuts alla Omer Simpson? Tra gli innumerevoli posti che si possono trovare a New York, quello da noi preferito è Doughnut Plants (lo trovate in diversi punti della città). Da provare il loro “pezzo forte” alla crème-brulée anche se somiglia più ad un bombolone. Abbiamo testato anche Dun-Well Donughnuts ma sono risultati abbastanza normali.

lost in food mangiare New York dunwell donuts
Dunwell Donuts – New York I © Silvia

Non abbiamo fatto in tempo invece a provare quelli dello storico forno Peter Pan Donut & Pastry Shop a Brooklyn: dicono siano ottimi e dunque se ne avete occasione, fateci un salto e ricordatevi poi di dirci se ne è valsa la pena.

lost in food New York cupcake atm
Atm Cupcake – New York I © Silvia

Non si può lasciare New York senza aver assaggiato un cup cake! I più famosi sono quelli di Magnolia Bakery (che troverete anche a Boston, Chicago, Los Angeles) con vari store di cui uno proprio alle spalle vicino alla Radio City Hall. Da provare però anche quelli di Georgetown Cupcake a Soho e se volete un dolcino nel pieno della notte allora correte all’atm, il distributore automatico, di Sprinkle Cupcake sulla Lexington.

 

Bakery, breakfast e non solo

Per la colazione puntate su una bakery di qualità. Due quelle da segnalare: a Soho, Balthazar Bakery mentre nell’ East Village  la mia adorata Supermoon. Qui le brioche sono esposte quasi come dei gioielli  (anche nel costo) su un lunghissimo bancone molto scenografico. Brioches con impasto blu, verde o “rainbow”, paste che sembrano piccole opere d’arte tanto che scegliere sarà davvero difficile. Tra le nostre preferite c’è la Banana Lime & Date Cruffin! E se prendete più dolci, richiedete la loro bellissima box e fate come noi, portatela a casa come ricordo (la mia è in bella vista sulla scrivania) di un “bite me in New York” come cita il loro claim. 

lost in food New York supermoon
Supermoon – New York I © Silvia

Per ottimi pancakes c’è Five Leaves a Brooklyn: ricotta, gelato al miele, frutti rossi e sciroppo d’acero oppure quelli di Big Daddy ripieni di crema oreo (grazie ai  Viaggi dei Mesupi per la segnalazione).

Il sogno di una “colazione da Tiffany” oggi è realtà! The blue box” è infatti il locale aperto da quasi un anno proprio all’ultimo piano di Tiffany sulla Quinta Strada. Ancora meglio se poi si va per un brunch o un tea time indimenticabile.  Attenzione però si può andare esclusivamente su prenotazione (a vostro rischio e pericolo provarci ad andare senza) e non vi è la possibilità di sostare ad un bancone perché… beh non esiste un bancone!

lostinfood serendipity 3 io location film new york
Serendipity 3 – New York I © Silvia

Se siete dei golosi, da assaggiare anche la famosissima Frozen hot choccolate di Serendipity 3 resa famosa dal film dall’omonimo titolo: davvero super, la coppa gigante di cioccolata e panna ha un suo perché!

 

New York è Hot Dog

lost in food mangiare New York nathans
Nathan’s – New York I © Silvia

Chi non ha mai immaginato di ritrovarsi a mangiare un Hot dog per le strade di New York? Due sono i posti da non perdere:i primo è il famosissimo Nathan’s con numerosi punti vendita sparsi un po’ ovunque. Noi consigliamo quello di Coney Island per l’atmosfera che il parco di divertimenti ci trasmette. Il secondo è Gray’s Papaya, a poca distanza da Central Park: qui gli hot dog sono bolliti e guarniti con le loro ottime e speciali salse homemade così come le bibite con cui potrete scegliere di accompagnarli: la combo, bibita più hot dog costa davvero poco, sui 5 dollari.

lost in food new york itinerario hot dog
Gray’s Papaya – New York I © Silvia

Se invece siete a Bushwick, il quartiere famoso per la street art, provate gli hot dog gourmet da Santa Salsa, un locale piccolino e molto street dove le sedie ma anche i piatti  su cui saranno serviti gli hot dog sono pezzi di skateboard. Forse tra i migliori che potete trovare a New York.

lost in food mangiare New York santa salsa
Santa Salsa – New York I © Silvia

 

Harlem è Soul Food

Se volete provare il soul food ovvero la cucina afro-americana tipica del sud degli States, il ristorante più famoso ad Harlem è quello di Sylvia’s, soprattutto se ci andate alla domenica per un brunch dopo aver assistito ad una messa gospel. Questo posto gode però più di fama che di qualità, provarlo è comunque un’esperienza. Una valida alternativa sempre ad Harlem è Amy Ruth’s tanto che se chiedete in giro state certi che vi consiglieranno questo posto. La location è decisamente spartana, famigliare come del resto è la cucina che propone, quel southern style semplice senza fronzoli ma abbondante. Qui si deve ordinare il pollo fritto (farete fatica a finirlo) con o senza waffle e assaggiare il loro corn bread che viene servito nell’attesa delle portate principali.

 

I love ice cream

A New York il gelato diventa quasi un’opera d’arte, anche nel prezzo! A Chinatown provate il cono waffle a forma di pesce da Taiyaki NYC. Il più gettonato tra le loro varie proposte? Ovviamente l’unicorn ice cream!

lost in food new york itinerario gelato
Gelati unicorno – New York I © Silvia

Se capitate nell’animato quartiere dell’East Village, da Stuffed New York Ice Cream trovate gelati con mille palline colorate o a forma di orsetto (noi abbiamo assaggiato “il panda”). Se volete andare più sul tradizionale, andate alla Brooklyn Ice cream factory o gustatevi il gelato italiano from Brianza (sì avete capito bene…i proprietari sono brianzoli) all’Albero dei gelati a Park Slope!

 

Rooftop e locali underground

lost in food new york itinerario 230
230 – New York I © Silvia

Sono molti i rooftop sparsi in cima ai vari building della Grande Mela. Di facile accesso e con un’ atmosfera unica il 230 Fifth è perfetto sia per un aperitivo che un dopocena: qui sarete vicinissimi all’Empire State Building e ne godrete una vista davvero unica. Tra l’altro potrete sedervi in contemplazione senza necessariamente consumare! Altro locale da non mancare invece per il dopo cena è PDYM (Please don’t tell me)!

 

Altri posti carini da segnare:

Maman NYC, Piero Nolita (tutto rosa), Sant AmbroeusTwo Little Red Mens (qui andate per la cheesecake), The Butche’s Daughter (vegetariano nell’East Village)e infine se non potete farne a meno la pizza di Joes’ Pizza (apprezzata anche da Barak Obama).

 

Posti da evitare

Bocciato invece Burger Joint: per quanto questo posto abbia una lunga storia, ormai è rimasto solo il mito del nome che attrae prevalentemente turisti e state certi che in fila troverete tanti italiani… L’hamburger è caro, piccolo e senz’anima! Evitatelo! E non lasciatevi incantare dal Boss delle torte! Per quanto Buddy mi stia simpatico, Carlo’s Bakery non vale il viaggio fino ad Hoboken: rainbow cake con crema di puro burro e le sue aragoste (per di più il loro pezzo forte) sono immangiabili!

6 Comments

  1. Di tutti questi ho provato solo Nathan’s, a Coney Island. Ricordo che siamo rimasti sconvolti dal formato della Coca Cola, che sbadatamente abbiamo ordinato “grande” : 750 ml!!

    • Silvia Reply

      wow 750 ml immagino le dimensioni! Dovrai tornare a New York per assaggiare il resto, se vuoi io vengo con te! 🙂

  2. Una guida completissima! Molti di questi posti li conosco e li ho provati. Pensa che da Katz’s abbiamo avuto la fortuna di sederci proprio al tavolo di Harry e Sally e pastrami da urlo!

    • Silvia Reply

      wow proprio al posto di Harry e Sally! 🙂 grazie mille !

  3. Un paio di questi posti li ho provati, tra cui Joe’s Pizza che ha il suo perché, e la pizza newyorchese che fanno lì è buona – gigantesca però, quasi impossibile finirla in due 😉
    Freemans lo seguo su IG ed è uno di quei posti che mi piacerebbe provare.
    Facciamo che mi salvo tutto il tuo post, così ho tutti i locali da non perdere!

    • Silvia Reply

      mi sa che tutto è gigantesco oltreoceano! Mi raccomando poi quando li proverai fammi sapere cosa ne pensi!
      We love New York

Leave A Reply

Navigate