Cosa vedere e cosa fare a Montreal consigli utili per la città più grande e divertente del Quebec

Welcome to Montreal, la città più grande del Quebec! Città dinamica, viva, cosmopolita e dal nome un po’ nobile le cui origini derivano da “Mont Royal”, ovvero il monte dal quale ancora oggi “si gode una magnifica regale vista”. Così venne definita da Jacques Cartier il primo esploratore che si avventurò nel San Lorenzo e che scoprì (ufficialmente) il Quebec!

Oggi Montreal non è più una terra remota e lontana, ma una metropoli tecnologica e moderna da oltre 1 milione e mezzo di abitanti nonché la seconda città più popolosa del Canada. Io l’ho adorata subito, anche se all’effettivo non ci sono cose eclatanti da vedere o cose “assolutamente-da-non perdere”, ma qui si viene per essere conquistati dall’atmosfera che si ritrova nei suoi quartieri, quella sua “joie de vivre” che pervade ogni angolo della città.

 

Alla scoperta dei quartieri di Montreal

Un tempo quelli che oggi conosciamo come Old Montreal, Plateau Mont Royal… erano cittadine indipendenti: oggi sono i quartieri che compongono Montreal attraverso i quali andare alla scoperta di questa città che si affaccia sul San Lorenzo.

lost in food old montreal casette
Old Montreal I © Silvia

OLD MONTREAL dove nacque Montreal e dove edifici vecchi e storici si alternano contrastando i grattacieli che la circondano. Decisamente turistica, ha il suo cuore in Vieux Montreal caratterizzata da stradine acciottolate, boutique stilose, gallerie d’arte, negozi di souvenir o eleganti locali che la animano a tutte le ore.

lost in food old montreal gallerie arte
Gallerie d’arte in Old Montreal I © Silvia

Passeggiate in Rue Saint Paul arrivando fino a Place Jacques Cartier e visitate la Basilica di Notre Dame. Costruita tra il 1824 e il 1829 in stile neo gotico, esternamente la facciata richiama la struttura di quella parigina.

lost in food montreal notre dame estero
Notre Dame – Old Montreal I © Silvia

Appena entrati (l’ingresso è a pagamento 5 dollari) sarete colpiti dal suo soffitto a volta: un cielo blu cupo punteggiato da stelle dorate che crea un’atmosfera molto spirituale e di forte suggestione. Sulle ampie vetrate colorate troverete narrata la storia religiosa che caratterizzò questa città.

lost in food montreal notre dame interno
Notre Dame – Old Montreal I © Silvia

Per scoprire al meglio questo quartiere, soprattutto dal punto di vista architettonico, potete seguire l’itinerario a piedi indicato nelle principali guide o nelle mappe che vi saranno fornite direttamente all’ufficio turistico situato proprio vicino all’Hotel de Ville, il municipio della città.

DOWNTOWN decisamente la parte della città dall’aria più moderna con strade chiassose, traffico, grattacieli e tanti negozi per lo shopping… approfittatene visto anche il cambio favorevole euro/dollaro canadese. Rue Crescent, è particolarmente animata la sera, perfetta se siete alla ricerca di un locale dove mangiare o bere qualcosa.

PLATEAU MONT ROYAL detto semplicemente Plateau, è uno dei quartieri più interessanti soprattutto per la vena creativa che qui si respira. Sorto come quartiere operaio, è stato completamente rivalutato negli anni ’70 dopo che numerose artisti e scrittori decisero di andarci a vivere.

lostinfood-plateau-montreal-streatart-mary-poppins-palazzo
Mary Pop Pop Poppins – Street Art Plateau – Montreal I © Silvia

Si arriva fino al Plateau anche  per le sue numerose opere di street art (qui le info), le numerose boutique bohème, i caffè cool e il pastrami di Schwartz’s, una vera istituzione… lo riconoscerete dalla coda in attesa.

lost in food canada on the road montreal food
Montreal – Canada on the road I © Silvia

MILE END è il quartiere più alternativo della città in completa fase di rinascita e rivalutazione grazie anche alla presenza della Ubi Soft, il colosso di egaming. Situato a nord del Plateau, affascina la sua aria decadente ma molto hipster. Qui localini trendy, negozietti vintage e due bagel factory storiche che si contendono il primato in città, pare che sfornino bagel migliori di New York.

PARC DI MONT ROYAL  amato dagli abitanti della città per fare sport o per trascorrere giornate all’aria aperta magari facendo un semplice pic nic. Il parco è piuttosto ampio e lo si può raggiungere a piedi da Rue Peel o con diversi autobus. Nel parco si trova anche un punto panoramico Kondiaronk da cui potrete godere di un bello scorcio sull’intera città.

PARC JEAN DRAPEAU ad est della città, è formato da due isole: Ile Sainte Helene e Ile Notre Dame, l’attrazione principale è la natura e soprattutto in estate è bello girarlo in bicicletta all’ombra dell’enorme biosfera.

CHINATOWN anche qui non manca il quartiere “d’Oriente”! Ordinata, piccola ma carina, merita un breve bit stop.

 

Cose assolutamente da non perdere a Montreal:

Ok, aprendo questo articolo ho scritto che non ci sono cose particolari da vedere, ma mi riferivo ad attrazioni come monumenti storici, edifici, chiese ecc. quelle cose insomma che se tornate in Italia e ve ne siete perse qualcuna non ve ne farete certo un cruccio! Oltre a girare per i quartieri, ci sono però tre cose che valgono il viaggio a Montreal e che in alcuni casi dipendono dal periodo in cui ci andrete.

1_ JAZZ FESTIVAL: è il sogno di tutti gli appassionati di musica con un calendario fittissimo di concerti e appuntamenti musicali con i migliori artisti provenienti da ogni parte del globo che trasformano la città in un enorme palco. Qui tutte le info.

2_ CIRQUE DU SOLEIL: non molti forse sanno che questo circo che fa sognare nasce proprio qua in Canada! Siate sinceri, lo sapevate? Beh io no, così quando l’ho scoperto prima della mia partenza ho cominciato subito a documentarmi. Ma qui a Montreal ci sono diverse scuole circensi importanti – no, non stile Moira Orfei anche se lei è stata una grandissima rappresentante di una delle famiglie circensi italiane più note a livello internazionale – o meglio arts school, che forgiano artisti pronti per palcoscenici di carattere internazionale. Purtroppo quando siamo arrivati noi in città lo spettacolo del Cirque du Soleil era terminato da qualche giorno ma voi non mancate di guardare il calendario e se fossi in voi non me lo perderei.

LA MAISON DU BAGEL I © Silvia

3_ FOOD TOUR: Montreal è una città nota per il buon cibo e la varietà di quest’ultimo. In città troverete diversi food tour organizzati. Noi grazie al MAPQ abbiamo avuto l’onore di farne uno tutto nostro con Katerine Rollet, una blogger canadese che solo recentemente ho scoperto essere stata da giovane anche un’attrice famosa (cavolo, potevo chiederle l’autografo!). In alternativa potete trovare qui i miei suggerimenti e i locali che ho testato.

 

I tre osservatori di Montreal: ammirare i grattacieli

Se volete uno scorcio sui grattacieli della città, tre sono i punti da cui potrete ammirarla:

  • Il più famoso è quello che si gode dal parco di Mont Royal, il Kondiaronk
  • Il nuovo osservatorio Observatoire Place Ville Marie, è situato all’interno del secondo più altro grattacielo di Montreal. Con un’altezza di 185 metri vi consentirà di godere di una vista a 360° sulla città. Il costo per accedervi è di 19 dollari per adulto.
  • Se amate lo sport e in particolare tutto quello che riguarda il mondo delle olimpiadi, a pochi chilometri dal centro della città potete visitare il sito che ospitò nel 1976 la massima manifestazione. Qui è possibile salire sulla torre inclinata più alta del mondo (con un angolazione di 45°) attraverso una sorta di funicolare: dai suoi 165 metri di altezza si gode di una vista che può spaziare fino a 80 km di distanza in condizioni di cielo limpido.
lost in food montreal vista osservatorio
Vista vecchio osservatorio – torre olimpiadi – Montreal I © Silvia

 

Curiosità a Montreal

Vi capiterà in città di trovare in estate i Placottoirs, ovvero un gazebo di legno colorato che a volte incorpora elementi di arredo urbano e vegetazione. 

lost in food montreal placcoutix
Placottoir – Montreal I © Silvia

Posto sopra i marciapiedi,  i placottoirs  sono  un’idea simpatica nata nel 2016, uno spazio pubblico che è diventa un luogo di relax, di incontro e di chiacchiere per tutti.

 

A pochissimi km da Montreal

A soli 40 minuti da Montreal potrete vivere un’esperienza unica visitando una vera ed originale cabane a sucre, il luogo dove producono lo sciroppo d’acero. Ok in estate non è tempo di raccolta (generalmente si apre a marzo ed aprile con grandi momenti di festa) ma qui a La Sucrerie de la Montagne respirerete comunque tutta l’atmosfera del vero Canada. Sulla base della mia esperienza che qui ho vissuto, lo consiglio ad occhi chiusi anche se d’estate è sicuramente meno impattante rispetto a quando lo sciroppo d’acero inizia a sgorgare dalle piante.

Sucrerie de la Montagne – Quebec – Canada I © Silvia

Se siete diretti verso Mont Trembrant, a circa un’ora e mezza di macchina dalla città, non mancate di fare un pit stop a Parc Omegà, un parco ed una riserva naturale dove incontrare e conoscere l’intera fauna presente in tutto il Canada: orsi, lupi, volpi artiche… e tanto altro!

lost in food a parc omegà lupo che guarda
Lupi a Parc Omegà – Quebec I © Silvia

Infine, se vi piacciono le mongolfiere e soprattutto viaggiate con bambini, a Saint Jean sul Richelieu, circa 30 minuti a sud della città tutti gli anni in agosto per una settimana si svolge un noto festival, qui tutte le info.

Festival delle Mongolfiere Saint Jean sul Richelieu – Quebec

Dite la verità, adesso non vedete l’ora di volare a Montreal!!!

1 Comment

  1. Pingback: Montreal a 360° : Observatoire Place Ville Marie - Lost In Food

Leave A Reply

Navigate