Cosa vedere a Nantucket – i nostri consigli per scoprire l’isola di Moby Dick

Welcome to Nantucket! Da anni inseguivo questo viaggio alla scoperta del New England e ogni volta che incominciavo a studiarne percorsi e luoghi da visitare, Nantucket inevitabilmente diventava il mio primo punto fermo di tutto il viaggio. Non potete dunque che immaginare la mia emozione nel momento in cui ho potuto mettervi piede!

Il giorno dopo Martha’s Vineyard, la prima delle due isole del Massachusetts che ho visitato, da Hyannis, nostro “campo base” nella penisola di Cape Cod, ci siamo imbarcati su uno degli high speed ferry per navigare finalmente alla scoperta di Nantucket. Capitale mondiale della caccia alle balene nella metà dell’800 tanto da costruire la ricchezza di molte famiglie americane di quell’epoca, oggi è sicuramente una tra le mete estive più ambite soprattutto per una classe piuttosto abbiente.

lost in food new engand nantucket gelateria
Negozi a Nantucket I © Silvia

Se pensare di passarci qualche notte può risultare proibitivo visto i costi degli hotel soprattutto nell’alta stagione estiva, viverla invece con un’escursione di una giornata è assolutamente più abbordabile.

Rispetto a Martha’s, a Nantucket abbiamo trovato un’atmosfera differente: decisamente meno affollata, qui si respira un”aria più rilassata tipica delle isole un pò più remote con paesini ancora più piccoli, casette di legno con staccionate bianche e giardini pieni di rose. 

lost in food new engand nantucket mappa
Verso Nantucket I © Silvia

Questa volta, per vivere appieno l’isola da me tanto attesa e fatta scorta anche dell’esperienza vissuta a Martha’s Vineyard decisamente caotica, abbiamo deciso di non utilizzare le navette che anche qua servono e collegano, secondo una sorta di circuito, le persone sprovviste di auto da un capo all’altro dell’isola. Per essere più autonomi, abbiamo così noleggiato un motorino, scelta che si è rivelata azzeccata perché così…ci siamo letteralmente persi sulle varie stradine quasi deserte. Probabilmente questo ci ha permesso di apprezzare ancora di più questa parte di New England che ci ha davvero entusiasmati e ha superato addirittura le nostre aspettative!

 

Cosa non perdere a Nantucket i nostri consigli:

Fare shopping a Nantucket Town 

Nantucket Town incarna pienamente quell’aria un po’ aristocratica dei tempi gloriosi di quest’isola. Qui perfino i negozietti di souvenir sono delle piccole boutique graziose con quel mood un po’ country chi. Lo stile ideale per una giornata di sole tra i vari atelier è mocassino-bermuda-polo (rigorosamente alla Ralph Lauren) passeggiando tra edifici storici affacciati su viuzze e piazze che conservano ancora l’acciottolato, cosa davvero unica e rara per una cittadina americana, tanto da essere stata dichiarata Monumento storico nazionale. 

lost in food new engand nantucket casette due
Nantucket I © Silvia

Nantucket Town è il centro più importante dell’isola dove troverete le attrazioni principali da visitare soprattutto per scoprire la storia di questa iconica isola, come il bellissimo ed interessante Whaling Museum, il Nantucket lightship Basket Museum che ancora oggi conserva la storia della realizzazione dei cestini, la First Congregation Church risalente al primo settecento, la Jethro Coffin House (la casa più vecchia della città), il Mitchell’s Book Corner (si trova al nr 54 di Main Street), primo negozio di libri che aprì nel 1968, ed infine il mulino a vento più vecchio degli Stati Uniti ancora operativo, l’Old Mill. Se poi capitate di sabato, fate un salto tra i colori del Nantucket Farmer and Artisan Market.

 

Visitare il bellissimo Whaling Museum

Se come probabilmente la maggior parte di noi ha subito il fascino di Moby Dick di Herman Melville, o se semplicemente volete ripercorrere il tempo delle baleniere che qui fu protagonista a metà dell’800, uno dei musei assolutamente da non perdere è il Whaling Museum.

lost in food new engand nantucket museo balene
Whaling Museum – Nantucket I © Silvia

Allestito all’interno di una vecchia fabbrica di candele che venivano fatte proprio con l’olio di balena, troverete diverse sale espositive dove scoprire, attraverso oggetti ed immagini quel periodo d’oro e altrettanto drammatico della caccia alle balene.

lost in food new engand nantucket museo balene interno
Whaling Museum – Nantucket I © Silvia

Sarete colpiti inoltre dall’enorme scheletro di capodoglio che è stato ricomposto ed appeso proprio al soffitto dell’entrata. Controllate gli orari dell’exhibition dove verranno narrate le gesta e la vita dei balenieri.

 

Scoprire che anche i cestini hanno una storia

Un museo che sicuramente non mi aspettavo di trovare  è quello dedicato alla storia dei Nantucket Lightship basket, così chiamati perché in origine questi manufatti incominciarono ad essere realizzati dai marinai delle Lightship, ovvero le navi faro. A seguito delle numerose baleniere naufragate a causa dell’insidiosissima nebbia dell’isola, vennero istituite delle navi faro che stazionavano avanti alle coste. I marinai a bordo, per passare il tempo e per avere anche qualche dollaro in più, incominciarono a realizzare queste cesta che poi divennero un manufatto di valore proprio tipico dell’isola. All’interno del museo, situato a 8 minuti a piedi dalla Main Street,  troverete una mostra che documenta questa vecchia arte, oltre a tutta una serie di basket dai più vecchi fino a quelli odierni. All’interno si può anche assistere a dimostrazioni di come queste cesta vengono realizzate.

 

Esplorare l’isola in motorino

Questa è in assoluto la cosa che più consiglio di fare: vi permetterà di essere indipendenti raggiungendo facilmente e rapidamente i diversi punti dell’isola. Noi ci siamo piacevolmente “dispersi” su una strada deserta che ci ha portato alla spiaggia di Madaket. Mappa alla mano che svolazzava durante il tragitto, abbiamo trovato sempre persone molto disponibili a darci una mano con le giuste indicazioni per spostarci o raggiungere le diverse località. Probabilmente senza il motorino non avremmo scoperto e apprezzato l’isola come si deve.  

lost in food new engand nantucket ale motorino
Noleggiare il motorino a Nantucket I © Silvia

Noleggiare un motorino è piuttosto semplice e anche se non è possibile prenotarlo, generalmente ne hanno sempre a disposizione. Sul costo invece preparatevi a sborsare non pochi dollari, in particolare in alta stagione. Noi l’abbiamo noleggiata da Nantucket Bike Shop che si trova in Broad Street, facilmente raggiungibile una volta che sarete sbarcati. Il costo per l’intera giornata supera i 100 dollari per uso in coppia (d’altronde siamo a Nantucket… non vi dico cosa costa il noleggio di un auto) ma se la cifra può spaventare, vi assicuro che ne sarete ripagati del valore di ogni singolo dollaro per quello che riuscirete a vivere e vedere girando in scooter. Per il noleggio basta la patente di guida e sarete anche dotati di casco.

Per chi teme il motorino, può sempre ripiegare con una bici per – 30 dollari al giorno. Per le bici ci sono più operatori di cui uno lo trovate direttamente al molo appena sbarcati: Cooks Cycles Nantucket. Sull’isola le varie località non distano più di 13 km da Nantucket Town. Volendo esistono tour in bici di diversa durata che vi faranno scoprire le gemme segrete dell’isola (così dice il loro claim).

 

Assaggiare i donuts più buoni del New England 

Appena fuori dal centro di Nantucket Town (eh sì serve, la macchina o il motorino o la voglia di una discreta camminata), il Downyflake Restaurant è un’istituzione dell’isola, sforna dei buonissimi donuts! Per chi ha il tempo di rilassarsi o di fare una sana e sostanziosa colazione americana può sedersi al tavolo e gustarsi ottimi pancakes o omelette.

lost in food new engand nantucket downyflake
Downyflake Donuts – Nantucket I © Silvia

Per chi come noi è più propenso al rifornimento con il classico sacchetto takeaway, può fare incetta di donuts al bancone situato a sinistra dell’entrata. Le ciambelle sono un più piccole rispetto a quelle che generalmente si trovano, e anche i gusti a disposizione pochi, giusto 3 o 4 e con poche pretese, ad esempio solo allo zucchero, alla cannella, al cioccolato e cocco cioccolato. Ma sono decisamente tra i migliori donuts che abbiamo assaggiato in tutto il viaggio, soprattutto quello al cocco-cioccolato (e io non amo il cocco!) Inoltre, strano per Nantucket, sono decisamente economici: solo 1 dollaro l’uno!

 

Ascoltare il suono del mare di Nantucket

Riservate qualche ora da trascorrere in spiaggia! Noi abbiamo scelto quella di Madaket Beach a sud ovest dell’isola. Dicono sia la migliore per vedere i tramonti… ma noi ci siamo andati al mattino e ci ha comunque conquistati.

lost in food new engand nantucket silvia spiaggia
In spiaggia – Nantucket I © Silvia

L’abbiamo trovata vuota, immensa, ventosa e con nuvole un po’ plumbee: da qui non ce ne saremmo più andati! Se avete modo di fermarvi almeno una notte e capitate qui proprio nell’ora del tramonto a circa un paio di chilometri di distanza c’è il Millie’s Restaurant, gettonato dai local, dove poter cenare a base di tacos (un po’ costosi) sorseggiando un cocktail con vista spiaggia: per il panorama, salite al secondo piano.

Per gli amanti del surf, Surfside Beach è la migliore ed anche quella più popolare tra chi frequenta Nantucket. Se invece vi trovate ad est dell’isola e volete una spiaggia meno affollata e più tranquilla, Sconset Beach è ciò che fa per voi.

 

Fermarsi alla Cisco Brewers per street food e birra  

Amate le birre artigianali? La Cisco Brewers è una tappa assolutamente da segnare nell’itinerario. Nata all’inizio degli anni ‘80 come cantina, oggi è diventata famosa per la sua varietà e qualità di birre. Ma qui alla Cisco, non si viene solo per la birra: una volta superato all’ingresso il classico controllo dei passaporti, vi sembrerà quasi di entrare in una piccola sagra di paese dall’atmosfera un po’ hipster.

lost in food new engand nantucket ale Cisco
Cisco Brewers – Nantucket I © Silvia

Tre i corner dove potrete sbizzarrirvi nella degustazione di cocktail a base di distillati homemade, in quella dei vini e ovviamente in quello della birra. Il tutto accompagnato da streetfood con immancabili lobster roll, ostriche, pannocchie grigliate, hamburger e tanto altro. A completare il clima di festa che qui si respira, musica live con artisti che si alternano ad oltranza.

lost in food new engand nantucket Cisco street food
Street food at Cisco Brewers – Nantucket I © Silvia

Simpaticissimi gli spillatori di birra: non esitate e chiedete di farvi assaggiare le birre in mescita prima di ordinare quella che più vi ispirerà. Particolare quella al cioccolato gluten free, o la ipa summer edition con nota di pompelmo. Ma tante sono le tipologie di birra che troverete e che variano anche in base alla stagione: in autunno non manca quella alla pumpkin (devo assolutamente tornare per assaggiarla!).

 

Ammirare le casette con le rose di Siasconset

Esattamente dal lato opposto dell’isola rispetto alla birreria, il piccolo villaggio di Siasconset, o più semplicemente Sconset come dicono i local, sembra uscire da un libro illustrato di una fiaba americana con le sue case di legno perfette, le staccionate bianche e i bellissimi roseti che le profilano.

lost in food new engand nantucket case
Nantucket I © Silvia

Qui i giardini sono una cosa seria: quando siamo arrivati era in corso un vero e proprio contest per premiare il giardino più bello. Una volta arrivati, cercate il Bluff Walk: è considerato il sentiero più bello dell’isola che si percorre tra piccoli cottage di pescatori ricoperti di rose dislocati lungo la scogliera fino ad arrivare al faro di Sankaty Head. Se volete percorrerlo tutto, mettete in conto tra andata e ritorno quasi un paio d’ore.

 

Arrivare sotto il Sankaty Head lighthouse

Immerso in un paesaggio quasi idiliiaco, a pochi chilometri da Seasconset, il Sankaty Head Lighthouse con le sue righe bianche e rosse è davvero come si suol dire la classica  immagine che tutti noi abbiamo in testa del New England!

lost in food new engand nantucket faro due
Sankaty Head Light – Nantucket I © Silvia

Se come noi lo raggiungerete in scooter, lo ammirerete da diversi punti. Non si trova propriamente vicino alla spiaggia ma è immerso nel verde. Del resto, questo faro che incominciò ad operare nel 1850, è stato spostato dal suo punto di collazione originario proprio per preservarlo a seguito dell’erosione della scogliera che rischiava prima o poi di farlo crollare.

 

Lanciare la monetina nel mare per tornare a Nantucket  

Al rientro verso Hyannis, appena la barca ha lasciato il porto e nel preciso momento in cui abbiamo oltrepassato il Brant Point Lighthouse che con la sua bandiera americana dà il benvenuto (o l’arrivederci all’isola), i bambini presenti sul traghetto sono corsi a buttare una monetina nel mare. Un po’ come si fa per la Fontana di Trevi a Roma: spalle all’isola, occhi chiusi e lancio della moneta come buon auspicio di ritorno…

lost in food new engand nantucket faro tramonto
Brant Point Lighthouse – Nantucket I © Silvia

Capito il senso di questo rituale, inulte dirvi che mi sono fiondata anche io con il mio “one cent”. Ho chiuso gli occhi e ho sperato con tutta me stessa che questa leggenda, uguale a tante altre, fosse vera. Perché di quest’isola mi sono letteralmente innamorata e spero davvero che un giorno io possa tornare. 

 

Dove mangiare sull’isola di Nantucket

Non si può lasciare l’isola senza aver assaggiato un buon lobster roll, meglio poi se, una volta acquistato, andate a gustarvelo nell’incanto di una delle spiagge. Il posto giusto dove prenderlo è da Straight Wharf Fish Store considerato il migliore di Nantucket. Ricordatevi che qui come in tutto il New England il lobster roll può essere ordinato caldo con il burro o freddo secondo la ricetta classica. Lo Straight Wharf Fish Store è aperto dalle 9.30 alle 19, lo trovate in 4 Harbor Square, praticamente sul molo a due passi da dove ci si imbarca.

lost in food new engand nantucket fish store

Se siete degli amanti delle capesante, allora dovete fare un salto da Sayle’s Seafood: anche qui troverete pesce fresco isolano ma soprattutto le famose Nantucket Bay scallops, da gustare anche nel loro famoso roll. Pochi posti a sedere e soprattutto tanto pesce cucinato espresso per un meraviglioso take away. Lo trovate in 99 Washington St Ext, aperto dalle 10 alle 20.

Vera istituzione locale è Glidden’s Island Seafood: esiste fin dal lontano 1898! In fatto di capesante, con Sayle’s Seafood si contende di certo il primato.  Volete un’aragosta? Fate uno squillo e saranno ben lieti di cucinarvela. Si sale di livello con i loro piatti gourmet, in particolare spopola la loro ricetta segreta della “torta” di polpa di granchio o di polpa d’aragosta. 115 Pleasant St, Nantucket 9,30-18

Quando arrivate sull’isola e a maggior ragione non avete fatto ancora colazione, fate un salto alla Wicked Island Bakery’s per assaggiare i loro Morning bun fatti con burro che arriva del Vermont. Ottime anche le loro torte. 147 Orange St, Nantucket  aperto dalle 7 alle 15

lost in food new engand nantucket ice cream
The Juice Nantucket I © Silvia

Per un buon gelato, andate da The Juice Bar. Armatevi di pazienza perché potreste trovare anche una lunga coda ma il loro gusto, rum con uvetta, è da assaggiare. Tanti comunque i gusti interessanti e le loro porzioni sono decisamente abbondanti. Qui il vero must è il gelato nella coppetta ma con tanto di cialda!

Per altri locali, la ragazza che lavora nello store di Ralph Loren, conosciuta facendo un po’ di shopping, è stata prodiga nel darmi tutta una serie di suggerimenti. Alcuni posti li conoscevo già (me li ero segnata nella mia lunga ricerca… e la soddisfazione di aver segnato i posti giusti è stata tanta) altri no.

lost in food nantucket food tips
Local Food Tips – Nantucket I © Silvia

Condivido così con voi le dritte di una vera local!

 

Come arrivare a Nantucket 

Nantucket la si raggiunge rapidamente grazie al servizio di Fast Ferries operato da Hyannis. Due le compagnie che servono la tratta di andata e ritorno con numerose corse. Basta un’ora e arriverete già sull’isola e viceversa. Per vivere appieno il day trip, potete partire già alle 6.10 e tornare prendendo l’ultimo Ferry partente da Nantucket alle 9.20.

I costi sono di 77 dollari per un biglietto di andata e ritorno se utilizzate la compagnia Hy-Line Cruises. Si scende a 69 dollari se invece vi affiderete alla compagnia Steamship Authority.

 

Credit: Zaino Canadian – Orologio Morellato

 

1 Comment

  1. Pingback: Visitare il Whaling Museum la Nantucket della caccia alle balene e di Moby Dick - Lost In Food

Leave A Reply

Navigate