TRAVEL

9 Posts Back Home

Hyannis sulle orme di JFK – John F. Kennedy Museum

Se c’è un posto da non perdere per chi è affascinato, come lo sono io (credo ormai lo sappiate) dalla storia del clan dei Kennedy e sopratutto di JFK, è Hyannis, la cittadina del Massachusetts più kennediana in assoluto, quella che in qualche modo ha contribuito a creare l’immagine iconografica del Presidente più giovane nella storia degli Stati Uniti. Le parole di John F. Kennedy del resto hanno ispirato non solo la sua generazione, ma anche le nuove generazioni in tutto il mondo. Ed Hyannis nella penisola di Cape Cod è stata protagonista e testimone per decenni non solo della vita estiva della famiglia più famosa d’America ma anche dei momenti di gloria politici e purtroppo dei numerosi eventi tragici che l’hanno colpita. Ed è proprio qui che si può ripercorrere i momenti vissuti da John Fitzgerald Kennedy, sia da semplice uomo che da grande personalità di stato, grazie alle numerose immagini esclusive, ai documenti…

Visitare Hyannis dalla storia dei Kennedy alle isole di Cape Cod – Massachusetts

Quando abbiamo iniziato a pianificare l’itinerario di questa bellissima zona, una delle più ambite del Massachusetts, come già raccontato in altri articoli abbiamo scelto una cittadina che facesse da base per i nostri spostamenti. Dalle isole di Cape Code alla stessa penisola che arriva fino a Provincetown ci voleva qualcosa di strategico oltre ad essere anche accessibile sia in termini di costi che di disponibilità (praticamente molti hotel risultavano fully booked già a febbraio). Hyannis, piccola cittadina costiera conosciuta anche come “the heart of Cape Code”, si è rivelata la scelta perfetta, un crocevia ideale per le località sulla penisola, per Martha’s Vineyard e ancor più per Nantucket. Ma Hyannis, non è solo un’ottimo punto di appoggio per chi vuol vedere questa zona. Hyannis deve soprattutto la sua fama alla storia dei Kennedy che qui decisero di acquistare la loro residenza estiva, il Compound. Un po’ nel cuore della famiglia…

Alla scoperta della Street Art di Ostiense: il nostro itinerario in vespa – Roma

Roma immancabilmente è Colosseo, Piazza di Spagna, Piazza Navona e tutti quegli scorci da cartolina che la rendono davvero unica, una delle città più belle al mondo.  Ma vi è un altro lato di questa città, più contemporaneo, più underground: quello della street art! Certo, forse non è paragonabile al concetto, o meglio, al modo con cui la street art è vissuta nel Nord America che noi spesso ricerchiamo nei nostri viaggi oltreoceano. Là interi quartieri si trasformano in gallerie d’arte a cielo aperto tanto da diventare una meta e un’attrazione da non perdere. Troppo spesso qui si imbratta più che abbellire. Ma fortunatamente a poco a poco le cose stanno cambiando e perfino la mia amata Roma, con il suo fascino a volte un po’ decadente, riserva delle sorprese.  Alla capitale va riconosciuto il primato di essere stata una delle prime città a dare spazio alla street art come…

Visitare il cimitero acattolico di Testaccio – dove Keats e altri poeti riposano – Roma

Come forse avrete già capito, Roma è un po’ la mia seconda città: credo di aver mappato ormai ogni quartiere in sella alla vespa, tanto che gli stessi amici romani mi chiedono consiglio! Ogni volta che la visito non riesco a non fare un salto alla Fontana di Trevi e non resisto al fascino del Pantheon e della piazza in cui si affaccia. In una delle mie ultime trasferte ho voluto invece uscire dalle solite mete, spingendomi nel quartiere di Testaccio. Non che qui non ci fossi mai stata, in questa zona di Roma del resto si trova uno dei miei ristoranti preferiti, “Angelina” appunto, ma anche “Flavio ve l’avevo detto” merita una visita. Però questa volte niente food tour! A Testaccio sono venuta per scoprire un angolo “alternativo” del quartiere, un angolo quasi segreto di una Roma tutta da scoprire: il Cimitero Acattolico o più poeticamente “il cimitero degli artisti e dei…

Visitare il Whaling Museum la Nantucket della caccia alle balene e di Moby Dick

Quella che oggi è l’isola di Nantucket, meta di vacanze estive soprattutto da parte della upper class americana, un tempo era soprattutto nota per la fiorente industria dell’olio di balena considerato il petrolio dell’epoca. Da qui, proprio da Nantucket, nell’800 salpavano centinaia di uomini a bordo delle tante baleniere avventurandosi per mare alla caccia dei giganteschi capodogli che sarebbero poi stati trasformati in tonnellate di candele e di olio. E’ proprio da Nantucket che il capitano Achab, protagonista del famosissimo romanzo Moby Dick scritto da Hermann Mellville, salpò a bordo del Pequod per diventare in qualche modo una leggenda. Nantucket e la sua fama dell’epoca legata alla caccia delle balene, furono per Mellville fonte di ispirazione per  il suo libro, in particolare per i fatti che ebbero luogo al largo delle coste dell’isola ad inizio ‘800: il naufragio della baleniera Essex causato dall’improvvisa furia di un capodoglio. La corsa all’olio di…

Cosa vedere a Nantucket – i nostri consigli per scoprire l’isola di Moby Dick

Welcome to Nantucket! Da anni inseguivo questo viaggio alla scoperta del New England e ogni volta che incominciavo a studiarne percorsi e luoghi da visitare, Nantucket inevitabilmente diventava il mio primo punto fermo di tutto il viaggio. Non potete dunque che immaginare la mia emozione nel momento in cui ho potuto mettervi piede! Il giorno dopo Martha’s Vineyard, la prima delle due isole del Massachusetts che ho visitato, da Hyannis, nostro “campo base” nella penisola di Cape Cod, ci siamo imbarcati su uno degli high speed ferry per navigare finalmente alla scoperta di Nantucket. Capitale mondiale della caccia alle balene nella metà dell’800 tanto da costruire la ricchezza di molte famiglie americane di quell’epoca, oggi è sicuramente una tra le mete estive più ambite soprattutto per una classe piuttosto abbiente. Se pensare di passarci qualche notte può risultare proibitivo visto i costi degli hotel soprattutto nell’alta stagione estiva, viverla invece con un’escursione…

Back Door Donuts Donuts – dove trovare le ciambelle segrete di Martha’s Vineyard

Quando abbiamo iniziato a preparare l’itinerario per Martha’s Vineyard, come ogni volta abbiamo stilato anche la (lunga) lista di “posti assolutamente da testare”. Più leggevo e più ritrovavo questo favoloso posto, quasi segreto, chiamato BacK Door Donuts. Osannato da tutti di certo non potevamo non provarlo. Ormai si sa che siamo dei “Best Donuts Hunter”: dopo Voodoo Doughnut Portland e Doughnut Vault a Chicago siamo alla ricerca del Donuts perfetto! Quello che però non riuscivo a capire era come mai questo dispensatore di ciambelle nell’isola di Martha’s, che generalmente vengono consumate per colazione, avesse degli orari alquanto strampalati… ovvero apertura esclusivamente dalla 19 in poi. Ma alla fine ho scoperto la storia un po’ misteriosa o forse leggendaria che aleggia dietro questo posto così strano ma così buono! Back Door Donuts: la storia delle ciambelle segrete  La storia di questa bakery risale addirittura all’estate del 1948, quando con il nome…

Visitare Martha’s Vineyard consigli, dritte e informazioni utili per vivere l’isola del Massachusetts

Una delle cose assolutamente da prevedere una volta arrivati nella famosa penisola di Cape Cod è utilizzarla come punto base per esplorare le isole di Martha’s Vineyard e di Nantucket, due realtà il cui fascino del New England trova forse la sua massima espressione.  Spesso però, quando ci si trova ad organizzare l’itinerario di questa parte del Nord Est degli Stati Uniti, si è fortemente dibattuti se visitarle entrambe o puntare soltanto su una delle due partendo dal presupposto che siano abbastanza simili e che quindi, vista una vista anche l’altra. Questo invece sarebbe un grandissimo errore!  Secondo un’antica leggenda, le due isole sono sì sorelle gemelle ma in realtà sono molto diverse tra loro. Martha’s Vineyard innanzitutto è decisamente più estesa, offre una maggiore varietà di elementi paesaggistici ed ha un’atmosfera più “democratica”. Nantucket invece è un’isola dai tratti più morbidi tanto da sembrare disegnati ed è soprattutto più elitaria. Una differenza dunque…

Visitare l’Intrepid Sea-Air-Space Museum la portaerei di New York

E’ possibile immaginare una portaerei nel cuore di Manhattan? Aerei e caccia che si riflettono nelle vetrate dei grattacieli newyorkesi? E se aggiungessimo anche un Concorde e un sottomarino? Ebbene sì, in “centro” anche se non proprio a Time Square ma attraccata al Molo 86 sull’Hudson River aerei si trova la “leggendaria” portaerei Intrepid Sea, trasformata a tutti gli effetti in un museo, forse, unico nel suo genere, appunto l’Intrepid Sea & Air Space Museum. Certo a New York non mancano attrazioni, musei e spettacoli da vedere. La scelta a volte può essere ardua soprattutto quando si giunge per la prima volta nella Grande Mela: si punta più sui grandi classici e ovviamente sul vedere e vivere la città stessa. Se però siete alla ricerca di qualcosa di originale, se siete dei fanatici di Top Gun o viaggiate con i bambini al seguito, l’Intrepid Sea Air & Space Museum allestito sulla storica…

Navigate