Travel Dreams dieci viaggi per un anno pazzesco

Due giorni e inizierà finalmente un nuovo anno. Non so il perché, ma questo 2018 lo aspetto con molta, molta trepidazione. Sarà che il 18 è il mio numero, sarà che forse, dico forse, dovrei realizzare uno dei “travel dream” più attesi (non l’Alaska…sebbene sia uno dei miei sogni) e sarà che ho quella sensazione di aspettarmi grandi cose. E visto le premesse, ho già comprato il vischio, l’ho subito appeso in casa e… ora aspetto di brindare al nuovo anno!

Saluto questo 2017 non senza disavventure, problemi o addii ma comunque con qualcosa di speciale da ricordare. Sono volata in Canada alla scoperta di un paese nuovo, vicino ma diverso dai miei amati Stati Uniti; ho dormito finalmente in una casa sull’albero in mezzo alla foresta lontano dal mondo; sono diventata Brand Ambassador di Canadian, sono tornata a New York, ho pedalato per tutta Amsterdam e ho finalmente una casa tutta mia che è comunque in qualche modo l’inizio di un nuovo viaggio.

Keep calm and make a wish!

Con l’avvicinarsi del nuovo anno, è impossibile non stilare una lista di “travel dreams”, ovvero sogni, desideri o buoni propositi da realizzare proprio nel 2018: ammirare il foliage del Vermount, guidare da Vancouver fino all’Alaska, dormire in uno degli hotel più belli a Matera… E poi ci sono quei posti un cui vorrei tornare: Edimburgo, Normandia, America, Roma, Karasjok… Così il primo gennaio per scaramanzia o meglio, come buon auspicio è rigorosamente da trascorrere in una città diversa, su un treno o su un volo o a programmare il prossimo on the road. Perché dopo tutto ciò che fai il primo dell’anno lo fai tutto l’anno!

E il 2018, anche se non ho ancora programmato nulla, inizierà con due biglietti aerei pronti ad aspettarmi e 10 buoni propositi che spero di poter realizzare:

Travel Dream 1: mettere la X su una capitale europea nuova

travel dream copenhagen citta porto
Copenhagen – Danimarca

Quest’anno sotto l’albero ho trovato un biglietto che diceva così: “buono valido per un volo  in una capitale europea che desideri e che non abbiamo ancora visto”. Forse qualcuno mi conosce molto bene e sa cosa amo di più. Io non ho ancora deciso, ma da un po’ di tempo Copenhagen spunta nei miei pensieri complice anche la nuovissima Lego House inaugurata proprio nel 2017 che non è poi cosi distante.

 

Travel Dream 2: scoprire o riscoprire ciò che mi sta attorno, la Valtellina

travel dream val di mello valtellina
Val Di Mello Valtellina

Ora che ho finalmente finito di fare la pallina da ping pong tra Ikea-divani-mobili-Ikea, non solo voglio godermi la mia nuova casa ma vorrei vivere di più ciò che c’è vicino. In particolare vorrei ri-scoprire meglio la Valtellina dove andavo spesso da piccola e dove posso spaziare con mille attività, una per ogni stagione: fare sleddog all’Husky Village, si può partire con il Bernina, andare alla spa ai Bagni Vecchi e perché no, il giro dei crotti con un buon bicchiere di vino. Ma lo sapevate che a Livigno fino a febbraio c’è un vero “Snow Dream“, un bellissimo chalet di ghiaccio dove è possibile dormire?

 

Travel Dream 3: visitare una città italiana che non ho ancora visto, Matera

travel dream matera citta sera
Matera

Patrimonio dell’Unesco e nominata Capitale della cultura per il 2019, da tempo Matera mi frulla per la testa non solo per la sua particolare configurazione ma perché è qui che si trova uno degli hotel in cui sogno da tempo di soggiornarvi, lAlbergo Diffusio Sexantio. 18 stanze ricavate nelle grotte una più bella dell’altra, una cena a lume di candela in una chiesa sconsacrata, lezioni di cucina, relax, massaggi e pic nic: che altro? A me sembra proprio un sogno. Intanto io mi sono portata avanti scaricando immediatamente la guida che ha dedicato a Matera la mia adorata Lonely Planet

 

Travel Dream 4: tornare e poi tornare ancora in posto che amo, Roma

Di posti in cui tornare ne ho davvero tanti, ma la mia scelta cade su Roma. Sono 4 anni che brindo al nuovo anno nella città eterna. Ma questa volta non sarà così. Le ho comunque promesso che scenderò a primavera. Nonostante abbia deciso di non trasferirmi lì, ci sono un sacco di piccole cose di Lei che mi mancano: ammirare Piazza Venezia dalla vespa, tornare alla bocca della verità per l’ennesima volta, comprare i biscotti al Biscottificio Innocenti, attraversare il Ghetto, cenare da Dolce, la colazione da Coromandel, la monetina nella fontana di Trevi, salire fino al Campidoglio. Il mio scorcio preferito? Il Pantheon!

 

Travel Dream 5: tornare negli Stati Uniti, rigorosamente on the road

travel dream Maine America faro notte
Cape Elizabeth

Di chilometri negli States ne ho macinati, percorrendo itinerari folli e poco scontati. Ogni anno è l’ultimo anno, ogni anno trovare il modo di tornare sembra impossibile, ma poi il Mal-d’America torna a farsi sentire. C’è un angolo di questo continente che ho lasciato per ultimo (ma va beh non vorrei fosse l’ultima volta eh!), non so perché ma volevo coincidesse con un anno speciale per me. Per scaramanzia (perché beh dovrò lavorarci un bel po’) non vi svelerò la zona, posso solo dirvi che è piena di cover bridge, di fienili rossi e di fari. Ecco, io vorrei vivere proprio lì!

 

Travel Dream 6: dormire (di nuovo) in una casa sull’albero

travel dreams Canopee Lit Canada casa sull'albero
CABIN – CANOPEE LIT – QUEBEC I © Silvia

Ho sempre voluto dormire in una casa sull’albero e quest’estate finalmente ci sono riuscita in Canada. Conosco a memoria tutte le house-tree esistenti e ho deciso di provarle tutte ma proprio tutte…ha ha ha! Vabbè posso iniziare da quelle più vicine: Aromantica nel Monferrato o “Il giardino delle cose semplici” a Cuneo, o perché no la Piantata a Viterbo. Perché mi piace alzarmi con il cinguettio degli uccellini o consumare una colazione servita con la carrucola ammirando un panorama unico.

 

Travel Dream 7: viaggio tra i sapori, il brunch del mio chef preferito

travel dream bulk milano morelli chef
Morelli & Bulk Milano I © Bulk Milano

Se c’è una cosa che adoro fare è proprio la colazione. Nel 2017 prima ho fatto il giro dei maestri pasticceri, dalla Pasticceria Veneto di Iginio Massari, ai dolci di Rinaldini a Rimini, poi ho fatto colazioni reali dal Principe di Savoia all’Hotel de la Minerve a Roma. Nel 2018 non vorrei certo fermarmi a queste… E quindi ecco giusto alcuni dei posti che mi piacerebbe provare: la colazione all’Hotel Bulgari, il tea time a Palazzo Parigi, Marchesi in Galleria Vittorio e Emanuele, ma soprattutto non voglio assolutamente perdermi il brunch dei mio chef preferito, Morelli all’Hotel Viu di Milano.

 

Travel Dream 8: ammirare le 50 sfumature di verde dell’aurora boreale

travel dream aurora boreale
Ammirare l’Aurora Boreale

Questo è uno di quei proposti che ogni anno faccio, ma che ogni anno rimane un sogno nel cassetto. Probabilmente il 2018 non sarà ancora il momento per realizzarlo ma questo proposito lo porto sempre con me perché prima o poi lo so, ce la farò. E quando succederà sicuramente dormirò in uno di quegli hotel nordici davvero fighi come il Kakslauttanen Arctic Resort Hotel dove le stanze sono igloo trasparenti, o la bellissima Artic Tree House in Finlandia.

 

Travel Dream 9: trascorrere il ponte dell’Immacolata a Colmar

Mercatini di Natale a Colmar – Francia I © Turisme – Colmar

Vedere finalmente i mercatini e vivere la magia del Natale di Colmar. Ogni anno lo dico, ogni anno mille imprevisti, impegni e tanto altro scombussolano i miei piani.  E anche quest’anno ho avuto un motivo più che valido chiamata nuova casa. Ma nel 2018 non ne avremo più di scuse (e farò in modo di non trovarne) per visitare finalmente questo angolo di Francia incantato.

 

Travel Dream 10: vedere il mondo da un altro punto di vista

travel dream mongolfiera americana volare
Volare in Mongolfiera

Volare non è solo prendere un aereo, ci sono tanti altri modo di vedere il mondo da un altro punto di vista. Una volta in Valtellina qui ho volato veramente per 2 minuti (o meglio questa è la sensazione che si ha) ed è stato qualcosa di unico. Quest’anno vorrei replicare questa sensazione provando una di queste tre cose: un giro in mongolfiera, la cabrio funivia dello Stanserhorn in Svizzera a Lucerna oppure il ponte sospeso più lungo al mondo a Randa nel Canton Vallese della Svizzera. Quale scegliereste voi?

 

Ok forse i buoni propositi sono davvero tanti e molto probabilmente riuscirò a realizzarne solo la metà.
Io però vi aspetto qui tra un anno esatto a tirare le somme insieme a voi!

Nel frattempo vi auguro che questo 2018 sia pazzesco e speciale e che ogni vostro sogno, desiderio o “travel dream” si realizzi davvero!

4 Comments

  1. Che belle idee…. mi piacciono tutte molto.
    Anche come le hai presentate.

    Colmar è splendida e il Vermont…. beh, un sogno.
    Ti auguro di riuscire ad andare ovunque tu voglia e anche più in là…

    Un abbraccio,
    Elena

    • Silvia Reply

      Grazie, sei molto carina! già il Vermont è davvero un sogno che spero prima o poi si avveri! Spero di realizzarle tutte e auguro anche a te di realizzare ogni tuo progetto, ogni tuo travel-dream! un abbraccio!

  2. Bellissimi i tuoi travel dreams! Li sottoscriverei seduta stante – tranne forse quello della casa sull’albero perché ho il terrore degli insetti e sarebbe una notte da incubo
    Copenhagen vorrei rivederla anche io, perché ci sono stata tanti anni fa per poco tempo; negli Stati Uniti ci tornerei domani – chissà, magari per il mio compleanno; e l’aurora boreale: mi è sfuggita una volta quando le luci del nord avevano deciso di non farsi vedere, quindi ho un conto in sospeso.
    Buone feste

    • Silvia Reply

      Allora ti auguro di realizzarli tutti anche tu! 🙂 ma no nessun insetto nella casa sulla albero, io che l’ho provata posso assicurartelo poi quelle italiane sono vere suite! Buon Anno anche a te Silvia di cuore!

Leave A Reply

Navigate