One World Observatory salire sulla Freedom Tower – New York

Salire al One World Observatory sulla Freedom Tower, uno dei nuovi simboli del rinato Ground Zero e di una New York 3.0 post 11 settembre, è stata una delle primissime cose che avevo messo nella mia lista “da non perdere” in vista del mio “back to New York”.

Ground Zero – New York I © Silvia

Sette anni fa avevo visto gli scavi, i primi lavori, respirato il fermento attorno a quello che voleva e doveva assolutamente svettare nuovamente sulla città come segno di ricostruzione e di orgoglio in risposta a quel terribile momento della nostra storia contemporanea. E ritrovarsi lì davanti, alzare lo sguardo verso l’alto cercando di percorrerne tutta l’altezza della Freedom Tower, rivedere un’area totalmente rinata così bella, cosi tecnologica, è stato emozionante.

 

Freedom Tower: il grattacielo più alto di New York

Inaugurata nel 2015 nel Lower Manhattan, la Freedom Tower è ad oggi il grattacielo più alto della Grande Mela: 1776 piedi (541,33 metri!) a rappresentare e in onore di quello che fu l’anno, appunto il 1776, della Dichiarazione di Indipendenza Americana. 47 i secondi impiegati dall’ascensore per raggiungere l’Osservatorio della Tower e godere così di una New York a 360°. Pazzesco!

La Freedom Tower si trova esattamente di fianco alle due fontane commemorative e al 9/11 Memorial Museum. Sono ben 104 i piani occupati per lo più da uffici. Il 102° piano è quello che ospita The One World Observatory aperto ai visitatori.

 

Freedom Tower: One World Observatory, un’esperienza unica

Al One World Observatory si accede, superato il controllo dei biglietti, attraverso un primo percorso dove sono ben visibili le fondamenta, fissate con rocce di granito a dimostrare la solidità della torre, e che conduce ai 5 Sky-pods gli ascensori, che portano in cima: bastano solo 47 secondi di salita accompagnati da un video emozionante proiettato sull’intera cabina dell’ascensore che mostra immagini di New York dalla sua nascita ad oggi.

Una volta arrivati al 102° piano, si viene accolti al “The see forever Theater” dove assisterete ad un altro spettacolare video che in due minuti rappresenta uno spaccato di vita quotidiana di New York: metropolitane ai taxi gialli, biciclette che percorrono l’intero schermo, immagini di grattacieli: un time lapse e un mix di immagini che vi lasceranno a bocca aperta soprattutto per il finale a sorpresa in cui lo schermo scompare letteralmente per mostrare la vista reale sulla città! Wow!

 

One World Observatory: la struttura

L’Osservatorio ha una struttura circolare consentendo così una vista a 360° gradi. Noleggiate per 15 dollari una sorta di iPod guida che grazie alla tecnologia della realtà aumentata consente di interagire con lo skyline! Sì avete proprio capito bene!

One World Observatory I © Nycgo

Ok, la Statua della Libertà di certo non vi farà ciao ciao, ma puntando il vostro schermo verso Miss Liberty, selezionandola, verrete virtualmente catapultati nella posizione in cui si trova e potrete scoprire la sua storia nel breve racconto.

Questo per ogni principale attrazione o simbolo mappato che deciderete di approfondire come ad esempio il Ponte di Brooklyn, l’Empire State Building, etc etc. Il tempo della vostra visita dipenderà anche da quanti video interattivi guarderete!

One World Observatory I © Silvia

Non mancano altri angoli interattivi degni di un film, come il City Pulse, un anello di 10 schermi che rispondono al movimento delle mani e che proiettano istantanee in tempo reale sulla città!

Infine per chi non soffre di vertigini, lo Sky Portal al 100° piano vi farà sentire completamente sospesi nel vuoto! Qui un enorme cerchio di 4 metri permette di vivere di una vista in Hd sulle strade che stanno al di sotto.

Vista città – One World Observatory I © Silvia
Vista città – One World Observatory I © Silvia

Inutile dirvi che non c’è osservatorio senza un ristorante dove poter mangiare godendo del panorama!

 

One World Observatory: acquistare i biglietti in anticipo

La Freedom Tower si trova esattamente di fianco al 9 /11 Memorial Museum e alle due fontane commemorative, a pochi passi dall’Oculus di Calatrava.

Organizzate la giornata vedendo tutta questa area e in base a quale momento della giornata preferite salire, godendovi la calma del mattino evitando l’elevata affluenza o alla sera per una vista con tramonto.

NATIONAL SEPTEMBER 11 MEMORIAL MUSEUM I © Silvia

Acquistate i biglietti in anticipo fissando giorno e data per evitare code, anche se questo comporterà un costo del biglietto maggiorato. Potete acquistarli on line oppure direttamente in città. Io l’ho acquistato all’info point di Nycgo in Time Square.

Il costo del biglietto senza prenotazione è di circa 28 euro (in base al cambio del dollaro) e di 23 per i bambini dai 6 ai 12 anni, gratis per i minori di 6 anni. Il costo sale notevolmente con il “salta coda”. Due le formule: quella con orario prestabilito arriva a 58 dollari, quello da 69 se invece volete entrare quando volete saltando la coda. In realtà non preoccupatevi se ritardate o se siete in anticipo, potrete comunque accedervi anche se forse ci sono maggiori restrizioni in momenti di picco di affluenza.

Il biglietto per accedervi, non è compreso nel City Pass mentre lo è se scegliete il Sightseeing Pass o il Freestyle Pass.

 

One World Observatory: come arrivare

L’ingresso e il Box Office del One World Observatory è in West Plaza. Per raggiungerlo tre sono le fermate più vicine della metropolitana, a seconda della linea che utilizzerete:

World Trade Center linea E – Cortland Street linea N, R, W – Park Place linee 2 e 3
L’Osservatorio è aperto dalle 9 alle 20. In estate l’orario è prolungato fino alle 22,00

Top Of the Rock – New York I © Silvia

L’Osservatorio è sicuramente un’esperienza da non mancare. Personalmente però preferisco la vista che si gode dal Top Of the Rock dove l’Empire State Building compare proprio frontalmente in tutta la sua bellezza e vicinanza. Ovviamente poterli fare tutti e tre è la soluzione ottimale, ma se siete in città per pochissimo tempo e dovete scegliere, beh il Top of the Rock è quello da non perdere. L’Empire State Building per me è invece da vivere la sera per ammirare le luci e le suggestioni della città. E vi assicuro che dopo essere saliti sulla Freedom Tower, l’Empire vi sembrerà molto datato, quasi un edificio storico considerando quella che è la realtà di continua evoluzione della Grande Mela.

Allora siete pronti per salire sul grattacielo più alto di New York?

www.oneworldobservatory.com

2 Comments

  1. Che meraviglia! Lo schermo che scompare per mostrare la città è davvero wow! ❤
    Io ho visto le Freedom Tower nel 2013 quindi ora sarebbe proprio bello tornare!
    Ps: anche per me il Top of the Rock regala la vista migliore

    • Silvia Reply

      Sì, il video è davvero Wooow! 🙂 é sempre bello tornare a Ny è una città in continuo cambiamento! ❤ Ps. Il Sul Top of the Rock salirei all’infinito!

Leave A Reply

Navigate