Madeleine una brasserie parigina nel cuore di Roma

Finalmente ho provato Madeleine! Sì era da tanto che volevo provarlo perché, dopo i locali di stampo americano, per me vengono quelli con un animo francese soprattutto se capaci di farti assaporare quel gusto burroso del croissant perfetto. Il problema di base è che dovevo solo annullare quei 600 km di distanza perché Madeleine si trova nella mia amata Roma!

lost in food madeleine roma locale esterno
Madeleine Roma I © Silvia
lost in food madeleine roma entrata
Welcome I © Silvia

Ma un paio di settimane fa, complice un appuntamento di lavoro molto-molto-molto importante, sono tornata a Roma e questa volta non me lo sono lasciata sfuggire mettendolo da subito in cima alle mie priorità delle cose da fare e vedere nella capitale!

 

Un angolo di Parigi a Roma

Ciò che da sempre mi incuriosiva di Madeleine, oltre al croissant perfetto, erano queste graziose statuine in ceramica che comparivano tra un macarons e l’altro in ogni fotografia su instagram.  Appena entrata ho così cercato di indagare ed ho scoperto che le statuine non solo sono protagoniste della mise en place dei tavolini, ma qui gli elementi e i complementi di arredo (tutto ma proprio tutto!) sono pezzi unici o realizzati e studiati ad hoc.

lost in food madeleine roma bagnante
Bagnanti  I © Silvia

A partire proprio da quelle bagnanti in ceramica in costume a righe e cuffietta colorata,, i piatti vintage di Richard Ginori comprati in giro per l’Italia, le teiere che fanno bella mostra sopra il bancone dei dolci utilizzate per il the o gli elementi di arredo che riempiono i vari spazi. 

lost in food madeleine roma dettagli due
Dettagli  I © Silvia

Molti elementi di Art Nouveau presenti nel locale sono originali o sono stati ricreati dal designer Matteo Parenti insieme a Giancarlino (uno dei soci) ispirandosi alle collezioni di quel periodo facendoli poi riprodurre in esclusiva da mani di esperti artigiani italiani, come i lampadari Sputnik o le modanature delle boiserie. Perfino la carta da parati è stata appositamente ridisegnata.

lost in food madeleine roma silvia
Carta da parati ridisegnata I © Silvia

I tavoli sono stati realizzati riprendendo i grafismi del primo novecento mentre le sedie sono frutto di un recupero di sedute originali degli anni ’50. E il pavimento? in legno a spina di pesce, inchiodato a mano per regalare la piacevole sensazione e calore che questa materia esprime. 

lost in food madeleine roma locale
Il locale I © Madeleine

Non c’è un dettaglio che non sia curato nei minimi particolari, come i fiori rigorosamente sempre freschi.  Il risultato? Un ambiente elegante e raffinato in stile Belle Epoque, con tanto di angolo caffetteria con cucina e pasticceria a vista, un ampio dehor e un importante bancone dedicato ai cocktail. Madeleine è davvero un angolo imperdibile di Parigi nella capitale romana.

 

Il locale perfetto per ogni momento della giornata

Da Madeleine, se fosse qui a Milano, penso ci andrei quasi tutti i giorni: è quel tipo di locale che amo, perfetto per fare colazione tra macarons, croissant e tanto altro. In realtà il rischio è che qui poi ci verrei in ogni momento della giornata per fare merenda, pranzo, cena o dopo cena.

lost in food madeleine roma cappuccino salato
Cappuccino con patate, carciofi croccanti e madeleine al chorizo I © Madeleine

Il suo successo parte innanzitutto dalla pasticceria di ispirazione ovviamente francese passando poi per una cucina semplice ma al tempo stesso innovativa e particolare. Per chi ama the ed infusi sarà soddisfatto dall’ampia selezione disponibile così come anche la carta dei cocktail risulta davvero interessante. Ma a fare la differenza è l’accoglienza calda e informale che caratterizza questo locale aperto dalle 8 del mattino fino alle 2 di notte.

 

Un viaggio tra sapore e ricordi con i cocktail del Boudoir di Madeleine

La sera il Boudoir di Madeleine dalle 18.00 alle 2.00  è uno spazio elegante e raffinato dove il bartender Biagio Gennaro realizza cocktail decisamente particolari, un viaggio tra i miscelati classici e quelli di nuova sperimentazione.

lost in food madeleine roma mixology
Mixology  I © Madeleine

Tra i più famosi, Bounjour Mamacita (Clairin Saujous Rhum, Latte, Menta, Liquore zenzero) che vuole legare il ricordo di quel profumo di croissant per le strade e del giornale della prima colazione ad un bicchiere di latte: abbinatelo con una fetta di deliziosa Carrot Cake, poi mi saprete dire! Altro cocktail interessante è L’Amèlie (vodka Stolichnaya, Sakè fruity, Pino mugo, Sauternès, Schiuma di birra) perfetto se servito con Macaròn al burro d’arachidi.

Da provare anche il Madame Bovary (Campari, Caffè, Karkadè, Amari italiani, Frangelico) che richiama nei sapori la vecchia tradizione riportandoci a quella che si ritrovava nei vecchi bar all’angolo di casa.

 

La Patisserie e la nostra colazione

Una volta entrati da Madeleine decidere cosa prendere per colazione (o per merenda) è stato davvero molto ma molto difficile, visto il bel bancone suddiviso in tre aree ricche di delizie: da una parte le mono porzioni, dall’altra i macarons e le madeleine e infine quella con croissant, pain ou chocolate e biscotti. Non vi è dubbio che il dolce qui è il padrone assoluto del locale che apre la giornata o chiude il pasto o arricchisce una merenda o un vizio che ci si vuole togliere. 

lost in food madeleine roma croissant
Brioches  I © Silvia

Diversa la scelta anche delle madeleine (come potrebbe essere altrimenti visto il nome del locale!): semplici, ripiene, ripiene alla nutella (non vi dico neppure quanto sono buone…) o ricoperte di cioccolato. Ma parliamo delle monoporzioni: io per colazione non le considero mai perché per me il buongiorno è con brioches, cappuccino, torta della nonna o pancakes… insomma qualcosa di più rustico… le monoporzioni, spesso (almeno per me) risultano fredde e impersonali…

lost in food madeleine roma menu chiuso
Il menù  I © Silvia

Magari, anzi sicuramente buone ma non è quello che scelgo io. Qui da Madeleine però ammetto che ho dovuto ricredermi: sono una più bella, buona e interessante dell’altra tanto che le avrei assaggiate tutte, ma proprio tutte.

lost in food madeleine roma monoporzioni tre
Monoporzioni  I © Silvia

Certo che scegliere tra una Choux di caramello e vaniglia,  Rocher cremoso di gianduia e nocciola o la Mousse al lampone e cassis con cremoso al latte di mandorla non è impresa facile: alla fine sono caduta in tentazione con una Charlotte Royal con le fragole accompagnata da un caffè. Ale è andato più sul classico: un croissant integrale al miele che si è rivelato uno dei più buoni che io abbia mai assaggiato!

lost in food madeleine roma colazione due
Colazione @ Madeleine Roma I © Silvia

Ovviamente abbiamo condiviso un piattino con madeleine e macarons con tanto di fiori decorativi.

Ok la dieta tanto inizia sempre il lunedì, no?
In fondo era domenica!

Madeleine: buono, bello e accogliente è andato oltre le mie aspettative tanto che insieme a Coromandel e Dolce scala la classifica della mia top ten romana e non solo!

MADELEINE
Via Monte Santo, 64, Roma
www.madeleinerome.com

Leave A Reply

Navigate